Neuropatia: il quadro generale

Alba CorainiWritten by Alba Coraini, MD, incoming resident, Harvard Partners Program in Neurology,  Massachusetts General Hospital & Brigham and Women’s Hospital.
Edited by Maria Nolano, MD, PhD, University of Naples, Italy. 

La neuropatia, definita anche neuropatia periferica o polineuropatia, consiste in una sofferenza a carico delle fibre nervose presenti nei nervi periferici. Si tratta di una patologia molto comune: si stima che colpisca l’8% della popolazione mondiale e ben 40 milioni di persone nei soli Stati Uniti. Almeno il 10% delle persone over 40 ne è affetto, così come il 50% della popolazione diabetica e il 20% di pazienti sottoposti a trattamenti chemioterapici. Le cause principali sono il diabete nei Paesi sviluppati, la lebbra nei Paesi tropicali e l’HIV/AIDS nei Paesi in via di sviluppo. Parallelamente alla diffusione del diabete, all’invecchiare della popolazione e all’aumentodell’aspettativa di vita delle persone affette da AIDS,, anche la prevalenza della neuropatia è in continua crescita. Negli ultimi anni c’è stata una maggiore attenzione verso questa patologia, e sono in continuo aumento studi anche sul versante terapeutico.

Anatomia

Il cervello e il midollo spinale costituiscono il sistema nervoso centrale. Il cervello è il “centro di comando” che riceve e genera gli impulsi nervosi trasmessi attraverso il sistema nervoso periferico. Quest’ultimo è composto dalle fibre nervose che corrono lungo tutti i distretti del nostro corpo e che ci permettono di interagire con il mondo esterno. Per esempio, attraverso queste fibre corrono i “comandi” del sistema nervoso centrale per l’esecuzione dei movimenti. Allo stesso modo, vengono trasmesse al cervello le sensazioni tattili o termiche generate a livello delle terminazioni delle fibre nervose.

Grandi e Piccole Fibre

Le fibre nervose sono classificate in base al loro diametro in “piccole” (se inferiore a 5 micrometri) e “grandi” fibre (se superiore a tale misura). Le grandi fibre hanno maggiore diametro in quanto sono rivestite da uno strato lipidico chiamata mielina. Ruolo fondamentale della mielina è quello di permettere all’impulso nervoso di venire trasmesso più velocemente lungo la fibra. Le grandi fibre trasmettono messaggi ai muscoli per il controllo del movimento; inoltre trasmettono sensazioni tattili, vibratorie e informazioni relative alla posizione del nostro corpo nello spazio, necessarie per mantenere l’equilibrio, al cervello e al midollo spinale. Le piccole fibre invece, senza mielina e a trasmissione più lenta, sono dedicate a trasmettere messaggi riguardanti il dolore, il caldo e il freddo. Le piccole fibre “autonomiche," infine, trasmettono i comandi nervosi che controllano gli organi interni.

Neuropatia Motoria, Sensitiva e Autonomica

Le neuropatie periferiche causano differenti sintomi a seconda del tipo di fibra nervosa interessata:

  • Le neuropatie motorie interessano le fibre motorie che trasmettono gli impulsi nervosi ai muscoli scheletrici o a quelli lisci che si trovano nelle pareti degli organi interni. I primi segni e sintomi di questo tipo di neuropatia sono spesso debolezza e affaticamento muscolare, anche accompagnati da crampi o da una riduzione della massa muscolare.
  • Le neuropatie sensitive interessano le fibre che dalla periferia trasmettono le informazioni al cervello per essere elaborate. I sintomi di tali neuropatie sono definiti “negativi” se la sensibilità è ridotta (per esempio ridotta capacità uditiva, alterato ’equilibrio o ridotta capacità di percepire il dolore) o “positivi” nel caso in cui vengano generati da impulsi “errati” che trasmettono un messaggio non corrispondente a quello reale. Si tratta per esempio di prurito o di dolore neuropatico, per cui la persona può avvertire la sensazione di essersi tagliato o bruciato quando in realtà niente di tutto ciò è accaduto.
  • Le neuropatie autonomiche danno origine a sintomi che variano ampiamente a seconda dell’organo coinvolto. Quando sono danneggiate le fibre nervose del cuore o dei vasi sanguigni, la neuropatia può manifestarsi come anormalità dei valori pressori o della frequenza cardiaca, generalmente sotto forma di tachicardia. A causa di un abbassamento eccessivo della pressione, i pazienti possono avvertire capogiri o addirittura svenire quando si alzano improvvisamente dallaposizione seduta. Sintomi invece che originano dal tratto gastrointestinale includono sensazioni di gonfiore, nausea o vomito, spesso dopo aver mangiato, così come anche stitichezza, diarrea o entrambe. Molti casi di colon irritabile sono da ricondursi a una neuropatia periferica. Le neuropatie autonomiche possono avere anche effetti negativi sul controllo della vescica (causando incontinenza o ritenzione) e sulla funzionalità sessuale.
Link Utili

Neuropatia periferica (Humanitas Research Hospital)
Associazione Italiana Neuropatie Periferiche